Si avvicina rapidamente il doppio appuntamento a pedali di domenica 21 marzo in provincia di Varese. Appuntamento speciale perché sono in programma l’ottavo “Piccolo Trofeo Binda – Valli del Verbano”, valido per l’assegnazione della Coppa delle Nazioni 2021 donne junior e il ventiduesimo “Trofeo Alfredo Binda – Comune di Cittiglio”, secondo appuntamento della stagione U.C.I. World Tour donne elite.

Le gare si svolgeranno con partenza da Cocquio Trevisago e arrivo a Cittiglio. Comuni e territori nei quali il ciclismo è vissuto con grande passione: “Dopo la cancellazione della scorsa edizione – dichiara Danilo Centrella, sindaco di Cocquio Trevisago – rieccomi pronto a “dare il via” ad un evento che da tanti anni fa del nostro territorio una vetrina di impareggiabile bellezza. Domenica 21 marzo sarà infatti il comune di Cocquio Trevisago ad ospitare la partenza del Trofeo Binda e del trofeo Picco Binda – Valli del Verbano. Sono certo che riusciremo a far sentire tutto il nostro incoraggiamento agli atleti in gara, pur nel rispetto delle regole imposte dai decreti ministeriali in vigore. Perché mai come in questo periodo sentiamo il bisogno di “ripartire”, di tornare a vivere le emozioni di sempre, incluse quelle che lo sport ci sa regalare. Mi piace pensare che dare il “via” alla gara simboleggi la ripartenza e la ripresa di tutto ciò che in questi mesi in qualche modo si è fermato: un via carico di speranza quindi, nel nome dello sport e della fiducia nel futuro”.

Stesso entusiasmo espresso anche da Fabrizio Anzani, sindaco di Cittiglio: “Di anno in anno, di evento in evento, Cittiglio è diventata l’importante punto di riferimento per il ciclismo femminile mondiale confermandosi come un vero e proprio polo di iniziative concrete che vengono sempre apprezzate molto anche su scala internazionale. Molti sono gIi appuntamenti con il coinvolgimento delle scuole e la salvaguardia dell’ambiente per assicurare la diffusione di messaggi educativi attraverso lo sport. La gara cittigliese non è soltanto importante per le atlete, per gli organizzatori e negli ultimi anni anche per i “media” ma soprattutto per gli spettatori e gli appassionati che possono assistere ad una competizione sportiva di altissimo livello e dalle caratteristiche uniche”. (Foto di Flaviano Ossola)